martedì 14 settembre 2010

MALEDETTO VIZIO.



Ti stringo fragile
sottile lembo di carta
affusolato che tra le dita
giochi col desiderio
celato dal bisogno
e lo elimini
velocemente in un respiro
appagandolo 
in un brevissimo momento
troppo in fretta
misurandone il tempo.
Domini la mia volontà
la plagi, l'imprigioni
poi la liberi per poco
e sei di nuovo tra le dita
 tra le labbra
nei polmoni.
Gestualità e rito maledetto.
Eppure
ti ho lasciata in un momento
di pace e di fermezza
oggi scaduta e
mollando il freno
fingo di sentirmi esaudita
finché il mio prossimo desiderio
mi brucerà tra le dita.
Elisena