venerdì 18 marzo 2011

'Na carezza de notte!


So fija tua
 de gente plebea
nun so nà signora co la platea
T'ho lasciata ma er mio
nun è stato er capriccio d'en momento
  dimo nà virgola d'abbandono
'na parentesi d'amore 
pe n’omo
che m'ha ridata la vita
però a te io nun t'ho mai tradita
Spero che ner core grande tuo
nun cè stia lo spazio 
solo pe li preti
ce sto anch’io che te sto sempre tra li piedi
e dall’arto d’ogni colle a te m’inchino
tra le piazze
e vie der centro
e da sti sampietrini 'n’do cammino
E poi dar quartiere mio
che 'n tempo era nà borgata
prennite sto saluto
come si fosse 'na serenata
che te la soneno 
e te la cantano le fontanelle
che coll’acqua tua
pronuncieno er nome de Centocelle!
Te vivo da drentro e 
da fora quelle mura
 me protegge 'na lupa
e de lei nun c'ho paura
Oggi che so viva e te respiro ancora
voijo ditte nà cosa da umile signora
"T'amo sempre"
come er primo giorno
ma io nun so eterna come te
e allora aspettime
che prima o poi ritorno.
Pe me che sei la più granne

d'ogni meraviglia der monno
e de statue e de monumenti ce n’hai na fortuna
ai fiji tua che so lontani … ascorteme
regalaje armeno un pò de luna
Mannejela sempre assieme ar ponentino
quer po’ de brezza
 così che de notte
ce pare a tutti 'na carezza!
Elisena