venerdì 10 febbraio 2012

Vite


Rima d’acqua
che appaghi la mia sete solo perché t’ho scritta
e mai più strappata
Fiore d’aria
che penzoli da un fuscello di nuvole
e radichi nella mia riflessione
resta effige
come spettacolo nella mia sfilata di sogni
E voi note di canto
traslate in poesie
onoratemi per sempre
siete le mie vite!
Elisena