sabato 19 maggio 2012

19 Maggio 2012


Di una mattina come altre
di un giorno di primavera
di un presente da rimandare
alla fermata dell’autobus
davanti alla scuola
D'un istante nel boato
 così grande da non lasciarsi sentire
ma da rapire sorrisi
e lasciare a noi il gelo delle pagine
dei quaderni nel sangue
e la rabbia e le lacrime
su ciò che resta
dei tuoi jeans bruciati.
Elisena