mercoledì 30 maggio 2012

E niente più è come prima

Le foglie cadono
senza che soffi il vento
Nessun silenzio
E poi nuvole
nuvole di polvere
d’ogni bene perduto
d’ogni vita azzittita sotto muri crollati
Sussulta e dondola la paura
nel freddo dell’anima
Ed urlano scorate le sirene al cielo
mentre il dolore scorre nelle faglie
e piega le città in ginocchio
Ancora battiti malati
e piange il cuore
dell’Emilia
E niente più è
come prima!
Elisena