martedì 18 settembre 2012

Er gabbiano

M'è preso 'n'attimo de tristezza
e de malinconia
me viene spesso
quanno penso a Roma mia
Alle risate sguaiate su pe le scale
alle sonate de lì campanelli
all’odore der sugo su lì fornelli
e a l’uccelletti che strilleno
su quell’alberi belli
Qua nun m’è possibile
d'inventamme sti rumori
mai e poi mai
s’accosterebbero ste voci 
a li battiti stonati de quei cori
E allora io mo parlo co ‘n gabbiano
e je chiedo a lui
de portasse via sta malinconia
così che quanno poi
 der volo s’è stancato
po dormì 
appoggiannose sull’antenna
de quella che 'n tempo
era casa mia
E’ ‘na storia de lontananza
'na storia come tante
quanno a parlà è a malinconia
ma sta storia
è ‘na parte de vita mia!
Elisena