domenica 28 ottobre 2012

Ed io ero Joe


Ed io ero Joe
e Joe era acqua e tempo
e sogni complici d’una sola ombra
che voltandosi
ha raccolto tra le mani
E l’acqua l’ha inghiottita
risparmiando al Sole
quel piccolo posto di luce
quel riflesso sul vetro
che addolcisce grandi pietre di cioccolato
che la clessidra lentamente scioglie
per non strozzare il tempo
E Joe 
che ancora una volta muore
per lasciar liberi i miei sogni 
d'increspare l’onde
e correre trasparenti
 come vere realtà
dal mare all’etere
dove  il mio cuore
ha scritto battiti di voce
e l’eco legge
nel distratto altalenarsi delle Lune!
Elisena