domenica 17 marzo 2013

Quando il silenzio

Quando il silenzio
si siede sulle mie ginocchia
e le parole restano aggrappate all’anima
io lo cullo nei suoni sordi dei pensieri
abbracciati stretti alle mia braccia
E non c’è nulla di più vero e sentito
della melodia delle parole che tacciono
nell’attesa che il vento
 mi porti l'impalpabile polvere 
d'un nettare alla bocca
da saggiare a gocce in un respiro
E muta ancora è la risposta
che le mie labbra muovono
 baciando quel tuo sguardo
che mi passa accanto
 e non gioca a chiedere
 di quando parlerà
questo mio silenzio.
Elisena