giovedì 23 maggio 2013

Nel cuore di Maggio

I miei occhi vedono dove finisce il mare
in quel confine creato dal cielo
e cancellano l’abitudine di sempre
nascosta dietro ai vetri
che il vento socchiude
in questa serata di freddo
che forte sferza nel cuore di Maggio
E al di là della strada
resta ferma la mia primavera
 tradita dai suoi stessi colori di fragile vita
E vedo la sabbia che vola
 e il mare che sputa coll’onde
la mia rabbia infinita
In questa serata di Maggio
le spine di pioggia feriscon le dita
ch’ora afferrano il nulla
e comprendono tanto
nel giallo dell’aria 
che sosta al confine di quell’orizzonte 
che vieta ad un vento reale
di mostrarmi la strada
e sull’asfalto vedere
così in fretta
 la mia vita che passa! 
Elisena