giovedì 21 novembre 2013

A Sora Maria

'N tempo a Roma ce viveva 'na donna
che se spostava poco da 'ndo abitava
e in quella via la conoscevano tutti
come a Sora Maria

Sempre in testa ar popolo dei li morti de fame
 lottava tutti li giorni pe fa la spesa
E se quanno pioveva
 nun poteva uscì de casa
era na corsa a rimedià
farina zucchero e caffè
si poi nevicava

Nun se faceva mai pestà li piedi
c’aveva sempre na risposta pronta
 sorrideva poco
ma quanno lo faceva
in quell’occhi sua ch’ereno scuri
io ce vedevo er mare
e le lacrime spariveno
 sazianno la fame
  
M’esercitava alla vita
me 'nsegnava er rispetto per er pane
che s’aprivi la credenza a casa mia
e delle pietanze c’era rimasto solo l’eco
ne trovavi sempre 'n pezzo
e 'tacci sua
quant'era bbono
pure duro come 'n sercio
era sempre 'n dono

Sta donna
mo sta 'n cielo a fa caciara
sta fa a guera a chi nun s’accontenta
d’avecce ogni giorno er pane fresco
e spreca la vita buttanno via tutto
 er cibo che je resta

Belli qui tempi de quanno a Roma
ce stava a Sora Maria
a conoscevano in molti
e sta donna era mamma mia!
Elisena