domenica 21 dicembre 2014

A regazzì

A regazzì guardate attorno
te che sei stato fortunato a nasce
 da sta parte der monno
E nun cercà de cresce prima der tempo
godite li giochi adesso
perché er futuro è 'n compresso
'na serie de patti co la vita
ch’è tutta 'n’escaltion
 'n gioco più difficile
de quello da playstation

A regazzì guardete attorno  
e si accanto a te nun vedi artro che pianto
allora sbrigate a cresce
pe' te nun c’è tempo pe' li giochi
i libri e le carezze
Sto monno è 'na fogna
t’ha fatto nasce tra la guera
e subito dopo ha ammazzato la cicogna
Potrai diventà granne
ma dovrai dominà fame
e piegà paure
su sta terra d’acqua e mine
dovrai da core veloce
 senza carzature

A regazzì
a te che sei nato da sta parte der monno
e a te che 'na barca te c’ha portato
 oggi a 'n banco de scola
er destino v'affiancato
 prima de cresce
prenneteve pe' mano
 scambiateve l’occhiali
e cercate de vedè sto monno immonno
ripulito da guere e disprezzi razziali
Armeno voi che ch’avete 'n core
e 'n’anima 
e 'n cervello ancora sani
cercate de cambiallo
perché poi sto futuro arriva presto
 è già domani.
 Elisena


venerdì 19 dicembre 2014

Nel mio piccolo mondo

Vivo d’amore nell’amore
del mio cuore di sale
tra le braccia d’un mare agitato
com’onda restia
radicata alla schiuma
che nessun vento asciuga
e lontana dalle fiabe di terra
 non entro 
per non baciar la riva
dove tutto s' insabbia
 ogni primo ed ultimo bacio.
Elisena


mercoledì 3 dicembre 2014

Alla poesia ...

La poesia m’è amica quando
arriva prima del fallimento d’un'alba
e si ferma nuda nel successo d’un tramonto
per frenare la lagna del vento
nell’empatia d’una nuvola
 lasciata nel tempo
a sorreggere una stella già spenta
in questo incomprensibile cielo!
Elisena


sabato 29 novembre 2014

Er Natale de chi resta e de chi nun c'è più



'N distinto giorno de 'n'anno forse
te sentirai più solo
e quer giorno
scarterai all’infinito 'n ricordo
ma io farò 'n modo che st’eternità
 te duri 'n'attimo sortanto
er tempo de posà l’occhi
drentro a 'na vetrina
e de guardà er rosso de 'n trenino che gira
 tra er bianco de 'na neve dipinta
e 'na stellina 'n po’ spenta
Te verrà da sorride
te rivedrai regazzino
capirai che de te
è 'nvecchiato sortanto er destino
 sentirai 'na carezza sfioratte la faccia
e portasse via solitudine e tristezza
perché drentro a 'n ricordo
ce so mille momenti
'n’artalena de vita
de sorrisi e de pianti
E si è vero che 'n pensiero
 è tutto quello che conta
m'avrai fatto 'n gran dono
in quer giorno speciale 
m'avrai regalato pe 'n attimo
ancora 'n po' de Natale!
Elisena


lunedì 24 novembre 2014

Nun me spezzà er core ...

Nun me spezzà er core
er core nun s’aggiusta
 è 'na machina de sentimenti
che manco la testa l'arresta
E 'n core spezzato poi
batte lo stesso
e fa 'n casino de rumore
perché flaggella de lacrime l'occhi
pe' nun sentì dolore
E nun se ferma manco quanno strappa disperato 
'n angolo asciutto dell'anima sua pe' scrivece 
de tutto er male c'ha 'ncassato
Ma poi 
cor tempo
se aritornerà a batte tra que righe
è capace che te leggerà sortanto
l'aspetto più bello de 'n ricordo
 dimenticannose er dolore
e de tutto er pianto
che st'occhi hanno versato!
Elisena


domenica 23 novembre 2014

I tuoi occhi nel mio sguardo


E’ che nei miei occhi
d’improvviso entrano i tuoi
che giungono da lontano
da molto lontano
per approdare nel mio sguardo
e diventare il tuo
E vedo le cose che detta la tua voce
in un brivido di pensieri
che m’accarezza la pelle
e ritorna il tuo odore
e sento il tuo freddo
mentre s’animano i colori del vento
del tuo vento
per te che un tempo
eri mia madre
e per me che adesso
sono figlia d’un indiviso ricordo
che veste i tuoi occhi.
Elisena

venerdì 14 novembre 2014

"Te Amo"


Io proprio
nun so amà in italiano
L’emozioni mia più vere
che se levano sincere
nascheno in dialetto e poi de getto
m’escono dar petto
E quanno parla er core le parole
nun c’hanno più punteggiatura
 fanno volà via le virgole e l’apostrofi
 che dell’idioma so le sfumatura
le regole severe de ‘na grammatica
che ce dona a tutti quer tocco
 de 'na parlata amletica
Amore mio
io nun so amatte in italiano
er core mio è romano
parla ‘n dialetto
 ch’è ‘n gergo ‘n  po’ sguaijato
e si te devo dì
 “ Te amo”
lasso fori pure l’accento
pe’ nun fallo cascà
su sto verso azzeccato!
Elisena

mercoledì 12 novembre 2014

Oggi io ...

Oggi io
non vorrei sognare per me
in fondo la vita m’ha dato tanto
m’ha dato l’amore d’una madre
e la forza e l’onesta d’un padre
 m’ha dato il cuore grande d’un uomo
e poi la felicità d’un figlio
e un lavoro
e una casa
e soprattutto m’ha dato
tempo per goderne
e l’educazione nel guardarmi attorno
E allora io oggi
vorrei inseguire l’impossibile
per ciò che ho visto
e che non ho mai disimparato
dai miei difficili ricordi
e senza violare il volto
di chi ha graziato
sorriso e pianto
vorrei prender per mano i passi delle ore
che il tempo ha spezzato
e misurato continua ad invecchiarle
in un susseguirsi d'attese scomposte
che la disperazione tramuta
 in dignitosa speranza
e poi la speranza 
in punta di piedi
assegna al sogno!
Elisena


venerdì 7 novembre 2014

Pioggia Sbadata ...

Pioggia sbadata
ti rovesci nelle buche
 vuoti dimenticati dai sentimenti
e tessi lentamente uno stagno d'acqua magra
 che sfida il cielo
e come una madre segreti sotto quel velo 
 ogni mia esitazione
allontanandola dal Sole e da chi
 potrebbe ferirmi 
usando l'arma
 delle mie debolezze!
Elisena


lunedì 3 novembre 2014

Libertà

Quando il pensiero è più lungo del giorno
affronto le ore sul confine del tramonto
affinché non muoia
 senz'aver prima dato luce all'impossibilità 
che riveste l’importanza d’un’ombra!
Elisena



giovedì 30 ottobre 2014

La veste del buio

In una veste di buio 
ho sceso scale
fatte di dure parole
di pochi gradini
di confusi spessori di verità e ragioni
Ed ho sfiorato l’odore del freddo
sui miei piedi calzati di passi passati
calpestati nell’acqua
d’un bicchiere di vetro
ove fermenta la durezza del tempo
ove annega la dolcezza del sogno
e ubriaca nasce 
quest'ultima lacrima
Elisena


mercoledì 15 ottobre 2014

Come farebbe il vento ...

Come farebbe il vento se lungo la strada
non trovasse canne da suonare
Si racconterebbe muto tra i capelli
tra i miei capelli
che non sanno suonare
ne sciogliersi al suo volere
Il vento forte mi fa paura
quando si dimena dentro e fuori la mente
annodata da fiocchi sui fermi capelli
E come la rima dell' ultima strofa d'una poesia
 passa e abbandona un carpe diem  
negli occhi e nel cuore di chi ha letto
Come farei io
se lungo la strada non trovassi il vento
Ignorerei forse la paura
e non mi fermerei ad ascoltare 
Elisena


lunedì 13 ottobre 2014

Ho baciato i miei fiori ...

Ho baciato i miei fiori
bagnandoli con acqua di rose
e le margherite si son tinte di rosso
e i papaveri di bianco
e i girasoli di viola
E in quella breve emozione 
sfuggita da ogni petalo di folle colore
ho colto la risposta più bella 
al mio spontaneo gesto 
d’insano amore!
Elisena


sabato 11 ottobre 2014

'n vetro e 'na finestra

C’era 'na vecchietta che ‘n tempo
aveva tanto amato
ma che pe ‘n volè de Dio
nun aveva mai allattato

Lui stesso 
ar nascere
5 sensi je aveva donato
e 4 piano piano 
se l'era ripresi
assieme ar marito 
che co ‘n’infarto s'era giocato

A sua disposizione 
solo a vista je aveva lasciato
… ‘n par de metri appena
quer tanto da faje vedè ancora
‘n po’ de luce terrena

Pora stella
costretta a vive sola
e dietro a i vetri de 'n barcone
che der tempo che ce passava
aveva perso ogni cognizzione

In qua camera vota
de respiri e de rumori
je se faceva giorno e notte a rota
mentre a puzza da naffettalina
je s'era assorbita tutti li ricordi
de quann’era regazzina
e da la porvere e le medicine
 sogni e pensieri 
je se spostaveno pe' sempre 
drentro stanze meno vicine

E mo ...
chissà che fine ha fatto qua signora
che drentro a 'n corpo
viveva prigioniera 
 nell'amen de 'na sola  preghiera!

Certo che a vecchiaia
pe' tanti 
 è solo che 'na triste malattia

Vojo sperà che 
 drentro a st'avventura
 quanno e si poi me tocca
pure si sola e vecchia
    la morte 
me faccia un po’ de meno de paura

Ma?!? 
Dimme te !?!
Che vita è questa?!?!
Si dopo c'hai fatto tanto
all’urtimo te resta
 solo ‘n vetro e 'na finestra!
Elisena



venerdì 10 ottobre 2014

La Bambina di Via Kafka

Lei è quell’amore immenso
che il mio cuore non può riassumere
 quando cammina solitario 
lungo i bordi dei sentimenti
 ed invece vorrebbe correre da lei
e giocare con lei
sotto il suo sole
in quel cortile
 in via Kafka!
Elisena


martedì 7 ottobre 2014

Io so che ...

Io so che non è facile vivermi accanto
perché spesso siedo negli angoli del niente
e mi danno nelle impossibilità del giorno
La mia pazienza non ha veste
Quando uscii dal corpo di mia madre
mi presero mani troppo piccole per contenermi
e m’adagiarono sotto una nuvola
 troppo sfacciata per un solo vagito
E d'allora io non sopporto il mio peso
e tollero il mio corpo
in una disabitudine di pelle
 che io non mi so spiegare.
Elisena


sabato 4 ottobre 2014

Ci sono luoghi

Ci sono luoghi
dove Dio non può entrare
neanche sotto la pioggia
e momenti di cuore
dove la felicità entra
anche sotto la pioggia
Ma sono luoghi brevi
e di una volgare bellezza
che disorienta anche i fiori!
Elisena


sabato 27 settembre 2014

I sogni non fingono mai ...

I sogni non fingono mai
sono le strade migliori
dove passeggiare senza paura
Sono ali di fantasie
che superano le barriere d’ogni caduta
Sono quel magnifico vuoto
d'un'inesistente realtà disordinata 
di buio e di luce 
dove c’è sempre qualcuno pronto
a baciarci le ferite!
Elisena



mercoledì 24 settembre 2014

Mattino

Mattino fresco
che versi l’autunno nei miei campi
e lasci che il mare stia ancora a dormire
e lasci i miei occhi ancora a sognare
Mattino
così vicino alla notte
per assopirsi le ombre
 così pieno di foglie e di nidi
e di rami che resistono al vento
ch’ora ha preso a soffiare
Mattino presto
nell’odore della luce
tra i seni dell’alba
che allattano il giorno
tra i ricordi distanti
m’avvicini il tuo Sole
pronunci la vita
e mi vieni a cercare.
Elisena


martedì 23 settembre 2014

Nei rifugi di strada

Nei rifugi di strada
 vivono parole 
che bocche distratte
han lasciato cadere 
ai bordi di vita 
Attendono voce
e rasentano luce
nell'anonimo cuore 
di sepolcri d'aprire
 Son queste le spoglie
 ch'io amo vestire
e non mi chiedo mai
 se una stella che brilla è già spenta
 perché credo alla luce che vedo.
Elisena


lunedì 22 settembre 2014

Me rifarei le trecce

Io nun so abituata a invecchià
Sarà che c'ho li pensieri ancora co le trecce
e che a lì sogni je do er permesso
de sta fori de me fino alle sette
Ma quanno lo specchio
me parla e nun me mente
m’accorgo d’avecce ‘na ruga
ch’è pure 'n po' 'gnorante
Artro che saggezza
questa me se sta a porta via sortanto
quer poco de bellezza
Se solo a potessi cancellà
e co lei tutti quei malanni
che 'tacci loro
t'arriveno co l’anni
Me rifarei le trecce
libererei li sogni giorno e notte
lascerei fori de casa lì pensieri
e o specchio nell'inquadratura
nun me mostrerebbe de la vita
solo sta gran fregatura!
Elisena


sabato 20 settembre 2014

L'ultima Luna!

Cicale e grilli del mosto ubriachi
suonate ancora per i miei sogni opachi
che il vento spettina nella mia mente
e infastidisce il mare
Un vento ch'esulta su un mare stanco
che trascina l'onde e stona il suo canto
nella lontana eco d'una vela antica
che s'avvicina e non lascia scia
ma abbraccia lo scoglio
nudo e fedele
che senza sudare
si lascia consumare 
con frasi e parole 
che pesci recitano
attorno a lui
come all' altare
E se reti ed ami il Sole esortano 
per far nascere il vino
api affamate ronzano pane
in questo cielo che sa di turchino
E s'orna l'uva
s'accendono gocce di sale
nella sosta d'un pensiero
affacciata a un davanzale
abbaia un cane
e nel silenzio appare
l'ultima luna 
ancora per danzare
quest'estate così breve 
ancora per sognare
fuori dal vento
prima della neve!
Elisena


domenica 14 settembre 2014

Come adesso

Come adesso io sono la notte
 che sobilla il silenzio 
e sguinzaglia ogn’attesa
Ed emigro in così tanto rumore
da abbordare a tratti la luna
impressionando i miei sogni
 in un canto d’ali notturne
 che non so più seguire
Come adesso io sono il frastuono
 delle mie imperfette speranze
che non oso ferire!
Elisena



sabato 13 settembre 2014

Restare ...

Restare vincolati al tempo
in nome dell’Amore
Ma la catena che lega
non ha più la stessa forza
ne lo stesso suono
e stride sui mattoni dei giorni
Ecco ... ora stringe
 ora s’allenta
e pesa sull'anima stessa
che nella parola Amore
soffoca tra le mani
nell’invano respiro
dell’aria leggera e calda
che un tempo
vietava ad ogni freddo
d’abitare il mio corpo!
Elisena


lunedì 8 settembre 2014

L'Incofessabile

Non distrarrò il mistero racchiuso nella mente
per indicarmi la strada che conduce 
al vicolo dell'inconfessabile
Il peccato vive nella presunzione
di voler posseder tutto dell'anima altrui
quando non esistono distanze
nel prendersi per mano.
Elisena


venerdì 5 settembre 2014

Per Amore

Senti solo un fruscio di voci
e pensi a una sposa
al suo velo che strascica lento
verso un altare di Sole
E invece t’accorgi ch’altro non è
 che la carezza del vento
alle foglie spose del tempo
che a terra soccombono
per morir d’amore
sotto il cielo d’autunno!
Elisena



giovedì 4 settembre 2014

Se dovessi raccontarti

Se dovessi raccontarti del mio amore
ti parlerei del lamento d’un fiume
che pulsa tra le mie strette anse
scalpitando nelle tempie
fino a precipitare dall'alte cascate del mio tempo
nell' energia del sangue
Ti coglierei nel profondo piacere
d’un sussurro di voce tra i capelli
 tra sordi fiori che sfamano api
in nuda libertà!
Elisena


venerdì 22 agosto 2014

Vedi Mà ...

Vedì mà
 e poesie più belle
so quelle che scrivo quanno te penso
quanno rimpiango tutto quello
che nun t’ho mai detto
e che pe' te 
nun ho mai fatto

Quante cose mà
c’ho mannato perse
l’ho fatte cadè lontano
troppo lontano
come le promesse ch'avevo legato
a stelle d'arcopal
che  ner cielo se so disperse

Te voijo dì che
me sarebbe piaciuto
fatte conosce er mare
pe’ fallo rosicà davanti a quello
che lui nun ha mai visto
‘na pelle così bianca
che nissun sale ha mai bagnato
e che er sole pe’ bacialla
anche si solo co’ ‘n riflesso
se sarebbe 'nchinato
a chiede 'n timido permesso

Io mo sto qua
a cercà rime e parole
pe’ parlà de te
co te 
che nun me poi più ascortà 
sotto a sto sole

 Così tante cose
ch'io volevo ditte
 jele racconto ar mare
co ‘n pianto lento d’amore
e lascio all'onne
che sia er lamento de 'n rumore
tutto quello che m' arisponne.
 Elisena