martedì 3 giugno 2014

'N Bacetto!

Quanno l'anima mia se sveste
lascia su 'na sedia
solo 'n velo de sottoveste
 poi se ne va in giro gnuda
 farnetica in dialetto
e me lascia da sola a letto

Esce spesso de notte
 se ferma dietro a porta o su pe' e scale
artre invece
è capace d’arrivà fino ar mare

Perché lei proprio nun vo cede
e alle favole e alle sirene
ancora ce vo crede
come a li folletti pazzerelli
che co la luna
je acconceno de sogni li capelli

Du trecce solo je fanno
una pe’ faje crede ancora ch'è 'na regazzina
co le lentiggini sur naso e 'na faccetta tanto carina

'n’arta è pe' aricordaje 
d'aritornà indietro quann'ormai è matina
perché a letto ce sto io che l’aspetto
e pe svejamme c'ho bisogno 
che lei me stia vicina
c'ho bisogno de 'n piccolo gesto d'affetto
m'accontento de poco
a me m'abbasta  'n bacetto!
Elisena