domenica 29 giugno 2014

E quella voce è un canto

Lontana e d’uomo
la voce del mare spuma a riva
il suo canto di scie da bocche d'onde
più femmine che mai
E la spiaggia è roccia di sabbia impietrita
che da quel canto si lascia snellire
per poi cadere e macerarsi il cuore
 in un umido applauso di granelli e sale
E quella voce è un canto
e quel canto un lamento
di luna e ciottoli
di morte e amore
E nasce d'uomo
per sopravvivere al vento
così lontana d'ogni vita
per poi sposare mille bocche di donna
e liberarsi in un unico canto!
Elisena



venerdì 27 giugno 2014

Il grande volo

Tutto per me è un attimo e poi
 un infinito evocare
Per te invece
è solo un grande volo
 che non lagna memoria
quando ordinato si distende
e ti distende
 su un colore d'abbandono
che per me è un fiore
ma per te
 è tutta la tua vita!
Elisena


venerdì 20 giugno 2014

I regazzini nun se toccano ...


I regazzini nun se toccano
nissuno dovrebbe
metteje l’occhi o la mani addosso
e vanno protetti da li sguardi de certi zozzoni
che all’apparenza sembrano d'esse tutti signori
Professionisti
 preti
maestri e dottori
e spesso fra questi ce so li padri stessi
Nun pò esiste er perdono
pe’ chi abusa dell’innocenza
 castralli nun serve a gniente
è solo faje ‘n’atto de clemenza
Annullaje l’uccello è poco
bisognerebbe spegneje er cervello
pe’ cancellaje li ricordi e fa in maniera
 che manco cor pensiero
 possano masturbasse 
‘na vorta drentro ‘na galera
E proprio sta cosa
che nissuno je po’ impedì
è quello che me da più rabbia
sapè che sta gente pò continua a godè
pure dopo avella chiusa in gabbia.
Elisena


giovedì 19 giugno 2014

Poi domani

Terra e ricordi si scontrano
nell’incontro di ciò ch’è stato
e lo vedi nello specchio 
aldilà delle tue spalle 
mentre davanti senti insistere 
solo l’eco dello sguardo 
alla ricerca d'un sole
 che non rovini nelle buche della mente
 perché in quelle del cielo
s’è già ferito abbastanza
Elisena



martedì 10 giugno 2014

'Na lacrima sola

Mi’ padre e mi’ madre
me stanno seduti dentro er core
stanno lì
e aspetteno che ‘n battito diverso
m'ariempia l’occhi d’emozione
così che me possono spedì ‘na lacrima
‘na lacrima sola
pe’ famme capì
ch'ogni cosa ch’io provo
gioia amore e paura
 appartiene pure a loro

 E quanno drentro all’occhi
  sta lacrima me gira
io so che
 pure si è libbera
 da scenneme sur viso
  preferisce scioijeme ogni nodo
che me se pò piazza 'n gola 
pe' damme forza
e nun lassamme da sola

E bello o brutto
'n momento che sia
 quanno er sentimento se fa forte
 e l'emozioni prennono er volo
 'na lacrima drentro me scenne
e penso a loro
Elisena


martedì 3 giugno 2014

'N Bacetto!

Quanno l’anima mia se sveste
lascia su ‘na sedia
solo 'n velo de sottoveste
 poi se ne va in giro gnuda
 farnetica in dialetto
e me lascia da sola a letto

Esce spesso de notte
 se ferma dietro a porta o su pe' e scale
artre invece
è capace d’arrivà fino ar mare

Perché lei proprio nun vo cede
e alle favole e alle sirene
ancora ce vo crede
come a li folletti pazzerelli
che co la luna
je acconceno de sogni li capelli

Du trecce solo je fanno
una pe’ faje crede ancora ch’è ‘na regazzina
co le lentiggini sur naso e ‘na faccetta tanto carina

'n’arta è pe' aricordaje 
d’aritornà indietro quann’ormai è matina
perché a letto ce sto io che l’aspetto
e pe svejamme c’ho bisogno 
che lei me stia vicina
c'ho bisogno de 'n piccolo gesto d'affetto
m'accontento de poco
a me m'abbasta  'n bacetto!
Elisena




Esse 'n poeta

Esse 'n poeta
nun vor dì sapecce fa co' le parole
imbroglià li versi
pe fa piagne la luna
e poi fa pace cor sole
No
esse 'n poeta vor dì
mischià er sangue co l’inchiostro
tanto fa sembrà er dolore
'na parvenza de piacere
Ma stanotte er nero
'tacci sua me fa paura
e drentro sta vita
 la luce proprio nun s’accenne
Sta a vedè che proprio a me sta luna 
 me sta a giocà 'no scherzo
e me vo fa crede
 che pure lei 
mo s'è messa a piagne ?!
Elisena

domenica 1 giugno 2014

Ribbellione !!!

L’omini potenti cacheno
come tutti quanti
Poi se puliscono er deretano
usanno pe' forza ‘na mano
 gesto ch'arientra ner quotidiano
uguaglianno ogni essere umano
Però …
più er culo è potente
più a carta a da esse resistente
Ma anche a più schiava
a vorte se ribbella
e nello strappo nefasto
se lacera e sbrindella
  in modo che 
ner pulisse le terga
 a mano der potente
finisce na merda!
Elisena