lunedì 30 marzo 2015

Pe' piagne e pe' ride

A scrive pe' fa piagne
nun ce vole gniente
basteno poche parole
e l’anima dell’omo se commove
Je nomini li regazzini e poi li vecchi
e le rime vengheno da sole
baciate da le lacrime e l’affetti
Ma a scrive pe' fa ride
nun è 'na cosa semplice
perchè 'n soriso all’anima
 nun je lo strappi facirmente
specie de sti tempi che la gente
pe più de 'n motivo
  nun sogna più gniente
Manco 'n tasca t’aritrovi le parole
e è difficile che te vengano da sole
Er pianto invece
quello nun ce manca
 ce n'avemo tanto che c'avanza
E 'n soriso poi
fa rima co paradiso
e a me me pare chiaro e palese
che stamo a parlà de 'n'artro paese!
Elisena


2 commenti:

  1. Cara Elisena che ti devo dire :niente di più vero in ciò che hai scritto.......
    Ti abbraccio e ti auguro una felice Pasqua

    RispondiElimina
  2. ..il cielo ha sempre le sue stelle piu belle
    Maurizio

    RispondiElimina

Ogni plagio sarà perseguito a norma di legge.