lunedì 30 marzo 2015

Pe' piagne e pe' ride

A scrive pe' fa piagne
nun ce vole gniente
basteno poche parole
e l’anima dell’omo se commove
Je nomini li regazzini e poi li vecchi
e le rime vengheno da sole
baciate da le lacrime e l’affetti
Ma a scrive pe' fa ride
nun è 'na cosa semplice
perchè 'n soriso all’anima
 nun je lo strappi facirmente
specie de sti tempi che la gente
pe più de 'n motivo
  nun sogna più gniente
Manco 'n tasca t’aritrovi le parole
e è difficile che te vengano da sole
Er pianto invece
quello nun ce manca
 ce n'avemo tanto che c'avanza
E 'n soriso poi
fa rima co paradiso
e a me me pare chiaro e palese
che stamo a parlà de 'n'artro paese!
Elisena


domenica 29 marzo 2015

Seduzione

Io amo la notte
così maschia e profonda
d’ombra finta
 pallore e mistero che soggioga la pelle
 fa schiava la mente
incanta in un sogno
e adorna di stelle
 E poi amo l’alba
 la luce
e i rumori del mare
la straordinaria bellezza del Sole
e la goccia di pioggia che cade
Mi seduce un chiaro di Luna
e m'incanta il grido del giorno
sarà che t'amo troppo 
ed amo troppo la vita
il suo fascino
il tuo
è l'insidia 
una sfida
Elisena



martedì 24 marzo 2015

Vivi dentro le ore

Vivi dentro le ore
dove ci sono cancelli
e pareti e dolore
di fragili ricordi di carta
e lampi di memoria
 tra i salti del tempo
senza vetri
senza finestre
e tra mani confuse
di disorientate carezze
Solitudine d'anima
che non insegui la mente
e resti sola per sempre
e muori d’inedia
ogni giorno
come fantasma di Sole
abbracciata al presente.
Elisena


Per chi vive in un bozzolo di nome "ALZHEIMER" ... Per mia madre che ne è stata prigioniera e la morte poi le ha donato le ali 

sabato 21 marzo 2015

E piange la storia

E piange la storia
come solo una madre sa piangere
stretta al tempo nel tempo
  dei bambini che non sono più angeli
ma inconsapevoli polveri di stelle
munizioni coi capelli neri
e gli occhi persi nell’attimo
vestito delle stesse croci del passato
da uomini di pietra
che non appartengono a nessun cielo
e a nessuna terra.
Elisena


giovedì 19 marzo 2015

Stanotte sono nata in un sogno

Stanotte sono nata in un sogno
Partorita e poi adagiata su una strofa
abbracciata al seno d’una poesia
E nessun vagito ha rimato con la mia bocca
Nessun pianto coi miei occhi
Sono nata in un sogno 
per poter finalmente vivere
quella carezza mai ricevuta
Nascere in un sogno
è semplicemente amarsi e sentirsi amata
dietro gli occhi
E’ come avere le ali
e non avere più piedi
e dimenticarsi i primi passi
e le rincorse alla felicità
Stanotte m'ha messa al mondo il tuo ricordo
e sono nata già grande
grazie a te papà. 
Elisena


sabato 14 marzo 2015

Prima

Io prima ero il dubbio
 Lontana da me fuggivo dai tuoni
quando ancora non sapevo correre
Fuggivo per venire al mondo.
Elisena


martedì 10 marzo 2015

Fuori moda

Un asfalto privo di mani abbraccia la strada
distante da ogni colore
 dove il gelo graffia anche l’alito
per dar spazio alla luce d'una quasi mattina 
E la finestra s'apre
 su una pagina già terminata
fuori da ogni veduta 
Oggi la principessa non ha più sogni
 oggi vestirò d'un giorno già usato.
Elisena


domenica 8 marzo 2015

Tante stagioni

Io non sono l’autunno
io sono l’estate nel giorno d’ogni stagione
Io so amare come albero e pianta
 come il Sole nella tempesta
nella voce che cambia
nei rumori di vita
o d’ultimo vento
Io sono donna
tu donna lo eri
e molte domani lo diventeranno
 come altre stagioni
che troppi uomini
 non sapranno ascoltare
Elisena


sabato 7 marzo 2015

Noi, Donne

Dedicato alla giornata internazionale della donna

Noi donne siamo isole che emergono
e subito il mare rapisce
Le navi ci cercano
 e disegnano rotte su carta stellare
Siam sponde per i naufraghi
per potersi salvare
Le conchiglie che contengono il sogno 
da poter trasformare in realtà 
da toccare
 da amare
da rubare a quel mare
che ci ha fatto sirene dal canto mortale
Abbiamo lottato per poter respirare
 fuori dall’acque
schiave del mare:
basta coi roghi e la sottomissione
e i veli e l’infibulazione
Il male dell’uomo
leggenda e poi mito
resta ancora impunito
perché tanti di loro non hanno capito
Noi donne siamo isole che emergono
e subito rapisce il mare
 molte di noi ora son terra
altre lottano ancora
per non affogare!
Elisena



venerdì 6 marzo 2015

Maria e Giuliano

Maria e Giuliano
'n’amore romano
'n’amore de sacrifici
de rinunce e de stenti
'n’amore vissuto
drentro a 'na stretta de denti
com’era vero e vivo però
quell’amore d’arti tempi

Maria
disadorna bellezza rubbata a 'n’angelo
così semplicemente bruna
lei che credeva che ner celo
ce fosse più de 'na Luna
e lui giovane e gajardo
faceva 'n modo che quer celo
nun ja rapisse drentro a 'no sguardo 

E mo che so lontani da i loro guai tereni
li voijo pensà ricchi e sereni
 'n quer posto chiamato paradiso
perché me sento troppo orfana
e c’avrei bisogno tanto de 'n loro soriso

Così a Roma
in fonno a 'na via
 c’ho nascosta 'na poesia
priva de rime de retorica e de patimento
 solo du' parole de sentimento
perché ne l’aria ce sia sempre 'n vento de ritorno
che me basti a famme sentì fiera 
 de quell'amore loro
che m'ha messa ar monno.
Elisena


domenica 1 marzo 2015

DA MADRE VORREI


Da madre vorrei
ch’ogni figlio fosse mio figlio
quello nero ... nato da una pelle bianca
quello orfano ... nato da un cuore morto  
quello cieco ... nato dal Sole
e quello profugo ... nato dalla grazia della guerra
Da madre vorrei poi
ch’ogni figlio diventasse uomo
e ch’ogni uomo diventasse padre e madre
di questi stessi figli che la vita ha partorito
per sacrificio d’offerta al mercato dell’oscurità
Solo così … da questi figli miei
da questi figli di tutti noi
dai loro grembi
nascerebbe l’umanità vera
e i loro figli si rassomiglierebbero tutti
Ma la vita continua ad abortirli
e non dopo pochi respiri
ma prima che imparino a leggere
prima che si sazino
prima che s'impadroniscano d’un sorriso
 prima ancora che diventino uomini
Elisena