domenica 5 febbraio 2012

Neve

Fragile creatura di cristalli e nebbie
vergine ti versi sull’onde maschie
e cadi pura in questo mare che ti stupra
e t’inghiotte così nuda
e ti fa paura.
Quanta grazia di poesia
  senz'alcuna impronta si diffonde
e la spiaggia tuona
oltraggiando al cielo
urla di rabbia
la sua voce donna
  nell'abito di sabbia!
Elisena