venerdì 11 marzo 2016

Il giorno dopo

Portai lontano i miei pensieri
e lasciai le mie ansie malate
in un'anonima sala d'attesa
Mi tolsi di dosso gli abiti vissuti
le abitudini acquisite
le vendette da servire
e tenni per me solo un sogno
 che voleva esser per forza sognato
perché mi sgomitava nello stomaco
e mi si vedeva nello sguardo
E un'altra lei raccolse tutto ciò
ch'io avevo gettato
Non mi somigliava affatto
Ma il giorno dopo io la vidi al tuo fianco
Così gettai via anche lo stomaco
e lasciai da solo il mio sguardo
Elisena


2 commenti:

  1. Guardando dentro di me, come dicevi allora, c'è sempre un perchè che parla sempre di te.
    M.

    RispondiElimina
  2. Parole dure che lasciano intravedere una forza unica. Buona giornata

    RispondiElimina

Ogni plagio sarà perseguito a norma di legge.